Posizionamento siti web sui motori di ricerca (Google, Yahoo, Bing), ottimizzazione per i motori di ricerca. Indicizzazione dei motori di ricerca per indicizzare siti internet o siti web, comunque li chiamate.

Una guida alle linee guida della P.A.

Poco prima che l'estate prendesse il sopravvento su tutti noi, il Ministero per la Pubblica Amministrazione e l'Innovazione ha emanato le "Linee Guida per i Siti Web delle Pubbliche Amministrazioni". Una volta tanto non è l'ennesima circolare, direttiva, regolamento, decreto attuativo che va ad affollare una normativa già piuttosto gremita. Al contrario, lo scopo è quello di mettere ordine e dare finalmente indicazioni chiare su cosa un sito web deve contenere e, possibilmente, come deve dirlo. Usando il burocratese, l'obiettivo fondamentale è quello di "razionalizzare le informazioni presenti in Rete, ridurne i costi di gestione e offrire un servizio che vada nella direzione di un miglioramento continuo". Caspita!

Non è questo il luogo migliore per scendere nel dettaglio, è però importante avere chiaro da subito i punti essenziali.
Uno degli obiettivi primari è quello di effettuare una riduzione dei siti web e portali della Pubblica Amministrazione, radicale e ragionata.
Non esistono infatti solo i siti istituzionali dei vari Ministeri, Dipartimenti, Regioni, Province, Comunità montane, Comuni e Circoscrizioni. Accanto a questi sono sorti decine e decine di Portali dedicati ad Enti, Istituzioni, eventi, celebrazioni, campagne ed altre amenità. Qualcuno tra questi è effettivamente indispensabile, qualcuno utile, altri sono ridondanti, molti sono perfettamente inutili, quando non addirittura dannosi, se non altro perché contribuiscono a disorientare il cittadino.
L'immagine è quella di un ammasso di rovi irti di spine affilate come lame di Toledo! La maggior parte di questi altri siti web contiene poco o nulla e spesso è anche poco aggiornato, ma spesso i promotori li difendono a spada tratta, neanche fossero la loro collezione di Tex.
Con le Linee Guida il Governo ha deciso di ripulire con decisione la Rete dividendo innanzitutto i siti della P.A. in tre categorie:
  1. quelli che rispondono a dette Linee e che sono da mantenere accuratamente;
  2. i siti che non vi rispondono ma svolgono una funzione utile e vanno quindi modificati per adeguarli ai dettami imposti dalle Linee Guida;
  3. quelli infine che vanno passati al tritacarne perché i contenuti sono irrilevanti o possono essere comunque trasferiti su altri siti che appartengono alle prime due categorie.
La palla lanciata dal Governo ora passa alle singole Amministrazioni (a tutte, proprio tutte!) che dovranno fare il "tagliando" della comunicazione online effettuando un'analisi accurata della qualità ed adeguatezza dei propri siti individuando quali tra questi mantenere, adeguare o mandare rapidamente in pensione. E persino quali eventualmente ancora creare.
Per i primi nulla questio: l'importante è tenerli freschi e in buona forma, a cominciare dal nome, che deve contenere (era ora) il suffisso ".gov". I problemi nascono con i siti da rimettere in sesto e con quelli da sacrificare sull'altare della razionalizzazione. Per questi sarà necessario intervenire con impegno e metodo, seguendo alla lettera le (puntuali) linee guida fornite dal Governo.

Certo il periodo non è dei migliori per fare quest'opera meritoria! Le Amministrazioni, specie quelle locali, sono oggi alle prese con mille incombenze e pochissime risorse per affrontarle. Forse è per questo che a quelle più restie a mettere mano alle forbici le linee guida hanno riservato un incentivo niente male: le disposizioni ivi contenute sono rilevanti "…ai fini della misurazione e della valutazione della performance organizzativa e individuale" che tradotto in soldoni significa che solo rispettandole si possono raggiungere quegli obiettivi che danno diritto agli incentivi economici previsti per la dirigenza pubblica.

Ed è qui che entriamo in gioco noi. Con un sistema efficace ed un team affiatato come quello dei box della Formula 1 siamo in grado di controllare l'olio e le gomme dei siti web di qualsiasi Ente, grande o piccolo che sia. Lo facciamo in modo veloce ed accurato, fornendo, con un piccolissimo investimento, un check up completo che rispetta alla lettera quanto richiesto dalle linee guida e dice all'Amministrazione se, dove e come intervenire.

Chiedici come, quando e quanto